giovedì 15 dicembre 2016

Palladion- Valerio Massimo Manfredi

Pallade Athena di Klimt

Mi trovo un po' in difficoltà a recensire questo libro. Non tanto perché non so che cosa dire al riguardo ma perché la trama è piuttosto ingarbugliata da spiegare. Farò del mio meglio!

Il libro è sostanzialmente diviso in quattro parti.
Nella prima parte lo scrittore ci racconta di Lucius Fonteius Hemina, tribuno romano che viaggia alla disperata ricerca del Console, partito per una spedizione. Motivo della ricerca è un messaggio che ha da riferirgli: non varcare i confini del Tauro per il bene di tutti quanti.
Ma il Console Cnaeus Manlius ignora gli avvertimenti del giovane tribuno e viene attaccato all'altezza della Tracia.
Il protagonista della seconda parte (e non solo, diciamo) è un monaco di nome Theodoros, vissuto nel Medioevo. Il monaco viene a conoscenza di un testo corrotto -Il codice di Polibio- e ne resta ossessionato, scoprendo addirittura il segreto che si cela dietro quelle parole. Ma non andrà mai fino infondo alla faccenda. Verrà trovato morto nella sua cella.

La terza parte è il fior fiore del libro.
Un noto archeologo scopre, durante i suoi scavi, la statua della Pallade Athena e, subito dopo, altre sei statue. Ma data l'importanza che esse avevano nel 22º secolo, perché seppellirle così, in fretta e furia?
Se lo chiede anche Fabio, brillante ricercatore che si interessa subito alla faccenda, convinto che tutta questa storia lo porterà a scoprire qualcosa di grandioso. Ed in effetti così è. Dopo poco vengono scoperte altre due statue di inestimabile valore, mancanti però delle loro armi.
Che sia veramente il noto Palladio? L'idolo più temuto di tutta l'antichità?
Fabio si troverà protagonista di un'avventura decisamente pericolosa che metterà a dura prova il suo coraggio e i suoi nervi saldi. Inoltre verrà anche a conoscenza del segreto del monaco Theodoros. Si appassionerà talmente tanto al suo misterioso testo da rischiare di perdere l'uso della ragione.
E non sarà l'unico a volere il Palladio, e lo scoprirà molto presto.
La quarta parte, come immaginate, è il finale. Che non sto a dirvi perché sennò vi rovino la sorpresa.

Ho un debole da sempre per Manfredi e il libro non poteva far altro che piacermi.
Ha un modo di raccontare che ti cattura. Sa come far piacere la storia. È attento ai dettagli e tutto è descritto con minuziosa precisione.
Anche stavolta non si è smentito. Bravo Manfry! Tanto love for u!

E voi avete mai letto qualcosa di Manfredi?


21 commenti:

  1. Non ho mai letto niente di Manfredi... ma dopo la tua recensione potrei iniziare da questo libro!
    Nuovo post sul mio blog! Passa da me se ti va!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piace la storia, autore consigliatissimo!

      Elimina
  2. Valerio Massimo Manfredi è sempre un'ottima lettura, non ha mai deluso neppure me.

    RispondiElimina
  3. Di Manfredi ho L'impero dei draghi :) ciaooo :)

    RispondiElimina
  4. Mai letto nulla di Manfredi, grazie per la tua recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo consiglio!
      Grazie a te per averla letta 😊

      Elimina
  5. Grazie per il commento e per essere passata ti seguo su GFC e ti aspetto da me se hai piacere.
    Amo le letture ma ultimamente mi piacciono quelle più leggere e frivole, comunque viva i libri
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io vado a periodi.
      Passo da romanzi smielati a thriller ecc..
      Grazie a te! 😘

      Elimina
  6. Grazie per il commento e per essere passata ti seguo su GFC e ti aspetto da me se hai piacere.
    Amo le letture ma ultimamente mi piacciono quelle più leggere e frivole, comunque viva i libri
    Bacio

    RispondiElimina
  7. Io di Manfredi ho letto qualche saggio (tipo Le meraviglie del mondo antico) e non mi sono assolutamente piaciuti perché mi sono sembrati dei copia e incolla di cose lette e rilette. Vorrei però dargli un'altra possibilità leggendo uno dei suoi romanzi, magari cambio idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Beh, sono gusti.
      Io adoro il modo che ha di approcciarsi alla storia.
      Ed è importante saperla maneggiare, a mio parere, per non annoiare il lettore. A non tutti piace la storia. Ma lui riesce sempre a farmela piacere anche se, di base, mi è sempre piaciuta.

      Elimina
  8. Anche io adoro Manfredi anche se, come tu stessa hai scritto all'inizio, talvolta i suoi libri possono apparire ingarbugliati.
    Ad esempio L'ultima legione è stato abbastanza veloce nella sua lettura ma lo scudo di Talos un poco meno... :/
    Però,andando avanti, riesce sempre a rapire il lettore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Lo scudo di Talos" voglio prenderlo a breve!

      Elimina
  9. Non ho mai letto niente di suo ma è da tempo che me lo propongo... solo che sono tanti e non so da quale iniziare! Mi pare di aver capito che ne hai letto qualcuno, da quale mi suggeriresti di partire? Vorrei scoprire se questo autore fa per me :)
    (ps: ora ti seguo, ogni tanto ci vuole una nuova prospettiva per le letture!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Innanzitutto ti ringrazio per il follow.
      Allora, se preferisci un romanzo ti consiglio "L'armata perduta". L'ho amato tantissimo.
      Se ti piace più il mistero, allora "Chimaira". È il primo in assoluto che lessi di Manfredi. La prima cotta, diciamo 😁
      Fammi sapere quale sceglierai e se ti è piaciuto!

      Elimina