venerdì 28 luglio 2017

Talvolta, nel buio, possiamo anche trovare la luce.

Avevo questo libro in wishlist da un sacco di tempo e, finalmente, mi sono decisa a leggerlo.
Sto parlando di "Il buio oltre la siepe" di Harper Lee.

La storia ci viene raccontata da Scout, una vivace bambina di 9 anni dalle idee chiare, testarda e spesso fin troppo impulsiva. La piccola passa le sue giornate in compagnia del fratello maggiore Jem, di gran lunga più riflessivo di lei, e del suo vicino Dill. I tre si divertono inscenando teatrini, raccontandosi storie e fantasticando su Boo Radley, il loro vicino di casa misterioso.
L'uomo, infatti, se ne sta sempre rinchiuso fra le sue mura senza mai mettere il naso fuori di casa.
Tutto ciò attira, inevitabilmente, la curiosità dei tre bambini.
La vita a Maycomb scorre tranquilla fino a che il caso di Tom Robinson non sconvolge la città e, si può dire, anche la vita dei due fratelli.
Il padre di Scout e Jem, Atticus, viene infatti accusato di essere un "negrofilo" dal resto della città. Tutto questo perché, in quanto avvocato, decide di rappresentare Robinson, un uomo di colore accusato di aver violentato e picchiato Mayella, la figlia maggiore degli Ewell, una delle famiglia più malviste di tutta Maycomb.
Ma perché un bianco si abbasserebbe a questo?

"Aver coraggio significa sapere di essere sconfitti prima ancora di cominciare, e cominciare egualmente e arrivare sino in fondo, qualsiasi cosa succeda. È raro vincere, in questi casi, ma qualche volta succede".



Come si capisce il centro della storia è proprio la paura del diverso. I pregiudizi. La chiusura mentale.

Scout, in particolar modo, dopo aver assistito al processo insieme a Jem e a Dill rimarrà profondamente segnata da una tale ingiustizia.
Perché voler condannare a tutti i costi un uomo, anche se è evidente che di colpe ne ha ben poche?

Un libro veramente bello, commovente.
Uno specchio sulla società americana degli anni '30, segnata dalla crisi finanziaria,  la segregazione razziale.

Assolutamente consigliatissimo. Non si finisce mai di aprire gli occhi per bene su certi temi.
Apriamo di più gli occhi ed anche il cuore!

7 commenti:

  1. Uno dei romanzi più belli di sempre :)

    RispondiElimina
  2. Non l'ho mai letto, ma sono sicura che sia un libro profondo e riflessivo, così come il suo seguito: Và, metti una sentinella, anche se ho sentito opinioni meno entusiaste su quest'ultimo. Comunque sono curiosa di leggerli entrambi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, quello voglio prenderlo anche io!
      Ti saprò ridire!

      Elimina
  3. Letto da adolescente, mi piacerebbe rileggerlo ora da "adulta".
    Confermo, consigliatissimo

    RispondiElimina
  4. È il mio romanzo preferito :) la Scout bambina mi ha sempre ricordato me...e leggendo il seguito mi sono ritrovata ancora di più in Scout donna!
    Ti consiglio "Vai, metti una sentinella" (credo sia il titolo italiano, sorry, l'ho letto in lingua e non sono sicurissima!), perché è un degno seguito e Harper Lee è sempre se stessa.
    Sono felice che ti sia piaciuto!

    RispondiElimina