mercoledì 29 agosto 2018

➤ CTRL+Z - MARGHERITA GIUSTI HAZON

Ed eccomi a parlarvi di un libro che mi ha rapito il cuore.
Si tratta di "CTRL+Z" di Margherita Giusti Hazon, una ragazza dal talento incredibile e di una dolcezza e gentilezza fuori dal mondo.

SINOSSI:
"Come sarebbe se potessimo tornare indietro e cancellare il passato? Cosa accadrebbe se   avessimo una seconda possibilità per ritrovare l’amore perduto? E se le possibilità fossero infinite?
Vienna, 1777. Parigi, 1895. Milano, 2020. In questi tre spaccati spazio-temporali, si consuma l’amore impossibile tra un ragazzo e una ragazza, uniti da qualcosa di più grande di loro. Nel corso dei secoli, la forza che li lega resta immutata, ma cambia forma ciò che li separa".
CONOSCIAMO MEGLIO L'AUTORE!
"Margherita Giusti Hazon è nata a Milano, dove vive, nel 1989. Dopo gli studi classici, si è laureata in Lettere Moderne con una tesi magistrale in materia cinematografica. Lavora alla Fondazione Cineteca Italiana, collabora con la rivista di cinema Fabrique Du Cinéma, ha scritto e diretto insieme alla regista Giovanna Volpi il cortometraggio Il Guardiano dei Poli e ha in corso alcuni progetti come sceneggiatrice. Scrive da quando è bambina, e nel 2013 ha frequentato la Bottega di Narrazione, corso di scrittura creativa tenuto dagli scrittori Giulio Mozzi e Gabriele Dadati, durante il cui corso è iniziata l'ideazione e la stesura del suo primo romanzo, CTRL + Z."

Io gente non trovo nemmeno le parole adatte per dirvi cosa ne penso.
Margherita scrive bene. Bene. Ma bene del tipo proprio bene!
Se io avessi comprato il suo libro a scatola chiusa avrei pensato che dietro ci fosse una persona "esperta del settore"! Non una ragazza alle prese con il suo primissimo libro!
Per quanto riguarda il contenuto, diciamo, del libro è tutto un grande wow!
Il tema del tempo fa da padrone nel libro di Margherita.
Il tempo che passa; il tempo che ci sfugge dalle mani; il tempo che vorremmo che ritornasse; il tempo infimo; il tempo sbagliato.
E poi ci sono tre storie che s'intrecciano nel tempo, appunto.
E non sono quelle storie d'amore trite e ritrite che ormai annoiano e basta, no.
Sono storie singolari, dolci.
Che emozionano.
Tutto il libro mi ha emozionata come non mi capitava da tanto tempo.
Era una vita che non mi commuovevo leggendo.
Ho sorriso un sacco, ho pianto e ho riso.
Ho finito di leggere e mi sono sentita felice, euforica! Volevo correre da Stefano ed abbracciarlo forte.
Ma in quel momento non c'era e quindi mi sono ritrovata a scrivere a Margherita e ad abbracciare virtualmente lei, ringraziandola per l'ennesima volta per avermi dato l'opportunità di leggere il suo libro.
Il suo meraviglioso libro.
E quindi, ringraziandola ancora una volta, vi esorto a dargli un'occhiata.
Date retta a una povera stolta come me, prendetelo!
Sono sicura che rimarrete affascinati anche voi dalla meraviglia che si nasconde in quelle pagine.
Margherita, il resto lo sai già.
Continua a scrivere, perché lo sai fare bene e riesci ad entrare nei cuori dei lettori e a dargli una bella scossa.
O, almeno, con me ci sei riuscita.

VOTO

★★★★★
5/5


Nessun commento:

Posta un commento