martedì 19 giugno 2018

Ricette insolite per cuori palpitanti

Io lo sapevo! Lo sapevo che scegliendo di leggere nuovamente un libro di Mathias Malzieu avrei fatto centro! Lo sapevo!
Le pagine de "Il bacio più breve della storia" sono impregnate di una dolcezza senza fine, un po' come "La meccanica del cuore", che lessi qualche anno fa.

E' una storia d'amore controversa. Fuori dalle regole. Diversa da tutte le altre storie d'amore che siamo abituati a sentire.


Una sera, durante una serata fuori al Théatre du Renard a Parigi, un inventore-depresso riesce ad avvicinare la ragazza misteriosa che puntava da tutta la sera. I due si baciano. Un bacio rapido. Piccino picciò e poi puf! La ragazza sparisce. Letteralmente. Diventa invisibile!
Il nostro protagonista, con il cuore ormai in subbuglio, si butta a capofitto nell'impossibile ricerca della ragazza, aiutato da un detective in pensione e dal suo pappagallo, Elvis. Pappagallo con la simpatica dote di saper registrare - oltre alle parole- anche gli orgasmi della gente!
Anche Louisa, la farmacista di fiducia del nostro inventore depresso, sostiene senza indugi la ricerca.
L'innamorato s'inventa di tutto per ritrovarla, arrivando a cucinare addirittura cioccolatini con l'essenza di quel bacio. Ma trovare una persona invisibile non è cosa da poco.
Con coraggio e perseveranza, però, ci riesce ed inizia una strana storia d'amore.
Come si fa a stare insieme a qualcuno senza riuscire a vederlo?!
Gli ostacoli che si troveranno i due davanti sono innumerevoli. Riusciranno a vincere contro tutto e tutti e ad amarsi?

E' tutto così dolce. Le storie di Malzieu sono come delle favole moderne. Pur se assurde e, a volte, nonsense ti fanno rimanere con gli occhi a cuoricino per tutto il tempo.
Amo la gente che ama. Che ama tanto e davvero. Che ama e lotta. E sono sempre meno le persone che lo fanno, purtroppo.

"Il bacio più breve della storia" è un piccolo libriccino che si fa divorare.

E ho adorato l'ultima parte, quella che racchiude i poemetti che l'inventore-depresso scriveva alla sua invisibilissima musa.
Ve ne lascio uno.

"Esistono donne il cui mistero svanisce d'un tratto
quando scoppiano a ridere.
Come se qualcuno accendesse neon da bagno
in mezzo a un bosco fiabesco.
Tu fai crescere boschi fiabeschi
in un bouquet di neon".

2 commenti:

  1. Ciao!
    Ti ho nominata per il My world award 2018, sei vuoi partecipare :)
    Ti lascio il link: https://unabuonalettura.blogspot.com/2018/07/my-world-award-2018.html

    RispondiElimina